Dal comunicato stampa:

"Il Corso si propone di formare una figura di esperto nell’utilizzo di tecnologie digitali applicate al settore dei beni culturali, con adeguate conoscenze anche nel campo della ricerca storica, archeologica e storico-artistica, capace di svolgere funzioni di alto livello relazionandosi con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (istituti e organi centrali e periferici), con Enti territoriali locali (Regione, Provincia, Comune), con altri Enti e Istituzioni pubbliche e con aziende, società e organizzazioni private operanti nel settore dello studio e della tutela, gestione, fruizione, comunicazione e valorizzazione dei Beni Culturali.

I laureati in European Heritage, Digital Media and the Information Society potranno trovare impiego come:

-Esperto di tecnologie digitali per i beni culturali presso enti pubblici e privati;

-Divulgatore di argomenti storici, archeologici e storico-artistici presso case editrici, radio e televisioni, siti informatici;

-Esperto di tecnologie GIS e banche dati applicate ai Beni Culturali;

-Esperto di tecnologie informatiche per lo studio dei testi antichi."